Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis Theme

1-677-124-44227

184 MAIN COLLINS STREET WEST VICTORIA 8007

FOLLOW US ON INSTAGRAM
Etiam ultricies nisi vel augue. Curabitur ullamcorper ultricies
Thepax

THEPAX®

PIÙ ATTIVO DEL LIEVITO VIVO

THEPAX® è un integratore alimentare a base di cellule selezionate e inattivate di Saccharomyces cervisiae, capace di modulare la flora batterica presente nell’intestino e, nel caso di ruminanti,  nel rumine dell’animale.

L’ inattivazione del lievito garantisce uniformità di azione e immediata biodisponibilità delle sostanze presenti nella cellula di lievito.

Grazie all’applicazione delle biotecnologie più avanzate, la cellula del lievito rimane integra e conserva un alto contenuto di sostanze prebiotiche utili a sostenere i processi metabolici.

E tu ottimizzi  la somministrazione degli alimenti ai tuoi animali.

Brevetto Europeo n. 0111202

BENEFICI THEPAX® NEI RUMINANTI

Contribuisce all’aumento del numero di batteri ruminali, favorendo l’utilizzo degli alimenti perché:

  • Rilascia nutrienti utili alla microflora
  • Aumenta la popolazione batterica ruminale
  • Mantiene stabili le fluttuazioni di pH nel rumine
  • Migliora l’indice di conversione alimentare (I.C.A.)
  • Aumenta le performance degli animali
  • Riduce il costo di produzione unitario

BENEFICI THEPAX® NEI MONOGASTRICI

Supporta il microbiota nel limitare la crescita di batteri patogeni, perchè

  • Riduce l’incidenza di fermentazioni anomale e quindi la produzione di tossine
  • Aiuta la ripresa dell’equilibrio della microflora a seguito di trattamenti antibiotici
  • Aumenta la resistenza allo stress
  • Incrementa l’assunzione di alimento e l’indice di conversione alimentare
  • Aumenta le performance
  • Migliora la salute e la condizione generale degli animali

Perchè usare il lievito?

Da anni, i lieviti vivi e le altre specie di cellule batteriche sono stati addizionati all’alimentazione degli animali, presupponendo un miglioramento della fermentazione ruminale e una migliore digestione della cellulosa.

Ma i lieviti vivi, il Lactobacillus, e gli altri microbici non sopravvivono nel rumine, benché una piccola colonia possa essere mantenuta attiva attraverso una continua somministrazione.

Se invece viene impiegato un lievito “morto”  i componenti nutrizionali si disperdono a seguito della rottura delle pareti cellulari.

MA ALLORA, QUALE E’ IL LIEVITO IDEALE?

Per essere efficace:

  • Non dovrebbe avere alcuna attività che ritardi il rilascio di nutrienti nel rumine e nell’intestino
  • Dovrebbe mantenere intatto il suo contenuto nutrizionale fino a che non raggiunge il rumine o l’intestino
  • Le pareti cellulari dovrebbero degradarsi solo una volta raggiunto il rumine o l’intestino
  • Dovrebbe contenere un alto numero di cellule per grammo di prodotto

Perché il lievito vivo non è la soluzione adatta?

Il lievito è un microrgansmo eucariota e presenta tutte le funzioni proprie di una cellula viva; pertanto:

  • Consuma lui stesso dei nutrienti
  • Produce cataboliti da smaltire
  • Attiva il processo di riproduzione (gemmazione)
  • Ritarda il rilascio di nutrienti
  • Compete con altri microorganismi presenti nel rumine o nell’intestino

Perché anche il lievito secco o spento non è una soluzione?

I processi tecnologici per la produzione di lievito secco mirano all’eliminazione dell’acqua, come per esempio la liofilizzazione, e spesso danneggiano le pareti cellulari e le cellule di lievito.

La visione al microscopio di un lievito secco evidenzia come le pareti cellulari siano state distrutte e lasciano ben intuire che i componenti nutrizionali siano stati deteriorati.

Il lievito secco è unicamente fonte di proteine.

THEPAX® FA LA DIFFERENZA

Thepax® è un concentrato inattivato e stabilizzato di cellule di Saccharomyces cerevisiae.

Il numero di cellule inattivate e intatte è pari a 5,05 x 10per grammo di prodotto, e garantisce un alto contenuto di sostanze naturali prebiotiche utili alla crescita della microflora ruminale e intestinale.

L’inattivazione del lievito permette di ottenere:

  • Maggiore disponibilità di nutrienti freschi
  • Rilascio immediato delle sostanze attive contenute nelle cellule
  • Riduzione di attività fermentative non controllate
  • Resistenza alla pressione e alle alte temperature e, quindi, maggiori flessibilità nella lavorazione e maggiore stabilità nella conservazione.

Ricchezza di contenuti
Il processo di inattivazione avviene nella fase iniziale del processo di gemmazione: le cellule di Saccharomyces cerevisiae vengono fissate allo stadio di pre-mitosi e preservano intatti i nutrienti presenti  all’interno della cellula:

  • Vitamine e oligoelementi
    Peptidi
    Glutatione
    Acido Malico
    Enzimi
    Acido Glutammico
    Nucleotidi
    Nucleosidi

Le cellule mantengono intatta anche la parete cellulare che, ricca di ricca di MOS e di glucani, agisce da stimolo alla risposta immunitaria dell’organismo.

Qualità assicurata

La bioattività di THEPAX® viene costantemente rilevata in laboratorio.

È l’espressione del rapporto tra la crescita batterica di una cultura di Lactobacillus acidofilus ATCC C – 5M 20.9 con e senza THEPAX®, dopo alcune ore di incubazione.

Il test viene condotto routinariamente per ogni lotto di prodotti THEPAX®, che deve raggiungere un coefficiente minimo di bioattività pari a 2,5 per poter superare la fase di validazione.

BMP

THEPAX

CERQUAL

CAPTEX

GREENDOX

Micromin